Lo scandalo di un Dio che si è fatto uomo ed è morto sulla croce

è il centro della nostra Fede.

E’ l’ispirazione primigenia della nostra vocazione e questo mistero che ispira, sostiene, alimenta il nostro dono quotidiano per il Regno.
La chiesa confessa che Gesù è Figlio di Dio venuto nella carne. Questo è lo scandalo! ..
La vera misura della Sua incarnazione è l’umiltà, il disinteresse e la beatitudine.
E’ carne eppure trascendenza; è svuotamento eppure pienezza; è disonore eppure gloria; è umiliazione eppure beatitudine: ognuno di questi assiomi è sfida per l’uomo e per il cristiano e radicalmente per noi.
Il segreto è quello semplice di San Francesco. Un cuore aperto, spalancato, dilatato non dilaniato sul mondo.
Un cuore da trapiantare nella carne di questo mondo, di ogni fratello, di questo tempo che attende di essere trasfigurato.
Francesco è capace di fornirci una “speranza realista”, davvero alla nostra portata. A portata di fede. E ammonisce: c’è di più. C’è di meglio. C’è un “non ancora” che non deve dare rassegnazione e riposo. Se la misura è il limite, allora è davvero tempo di miracoli, cioè l’immensa – ma possibile – quotidiana, umile, nascosta, disinteressata fatica del fare aderire il Vangelo alla realtà. Fatica, sì, cioè lavoro, tanto e moltiplicato impegno per l’uomo, tra gli uomini.
È la rivincita del fare sull’essere? No, è l’equilibrio praticabile tra l’essere e il dover essere, che è la misura del vero umanesimo: è questo che Gesù ci ha insegnato nel suo percorso dal cielo alla terra, una trascendenza che si comprende tra una stalla e un legno di croce.

Ultimi articoli inseriti in lingua italiana:

Vite scombussolate: i giovani del lockdown-Intervista a Alberto Pellai

Le misure introdotte per contrastare il coronavirus incidono in modo particolare sui più giovani.

Gesù inside out

Gesù non si è perso nella nostra tenebra, ma ha innalzato fino a sé la nostra angoscia.

Fragilità, una risorsa per restare umani

Riconoscere le proprie fragilità è sempre stato un problema e lo diventa ancora di più in una società che ci vuole tutti perfetti.

Osare il possibile

Un mondo in cui gli adulti sarebbero maturi e i giovani no, è falso e illusorio

Faccia a faccia col futuro: le transizioni del nostro Paese

Questa cultura di governo significa rimettere al centro le priorità da perseguire per il bene comune, stando attenti ai processi a lungo termine in cui vanno inserite.

Il tempo della complessità

La complessità del nostro tempo e della condizione umana globale.

Cristiani, tornate a rischiare tutto

Per molti di noi, la pandemia è stata frustrante, estremamente dolorosa.

Ddl Zan: spirito di convergenza per il bene comune

Ddl Zan: spirito di convergenza per il bene comune Francesco Bonini Auspicare, come è stato fatto nelle note della Cei prima e poi con autorevolezza diplomatica dalla nota verbale della Santa Sede e dal cardinale Parolin, l’uso della più grande virtù del politico e del legislatore, che è la prudenza, altro non è che un…

L’identità di genere e i bambini, una discussione è necessaria

L’identità di genere e i bambini, una discussione è necessaria Presentare la sessualità come un vissuto soggettivo e fluido può essere fonte di ansia e disorientamento. Il pensiero infantile è diverso da quello adulto, e cerca basi sicure Prevenire e contrastare il manifestarsi di discriminazione e/o violenza nei confronti di qualcuno a motivo della sua…

Per l’Italia un Sinodo “diffuso”. Protagoniste diocesi e parrocchie

Per l’Italia un Sinodo “diffuso”. Protagoniste diocesi e parrocchie Giacomo Gambassi Vari commenti Non un raduno, ma un percorso decentrato. La Cei risponde all’invito del Papa. Il Giubileo del 2025 come orizzonte. In agenda l’annuncio, ma anche famiglia, cultura, fragilità, cittadinanza  Sarebbe un equivoco limitarsi a pensare il Sinodo della Chiesa italiana come a un…

L’ultimo giorno e una nuova stagione:  coraggio e felicità!

L’ultimo giorno e una nuova stagione:  coraggio e felicità! Sofia Sinatra e Giorgia Cona Ogni ultimo giorno di scuola lascia con un nodo in gola, tra saluti e anche qualche lacrima, tra la felicità dell’inizio delle vacanze e la malinconia di un altro anno volato via, un altro anno che rimpiangeremo, perché vorremmo riviverlo di…

«Aiutiamo i giovani a ripartire di slancio»

«Aiutiamo i giovani a ripartire di slancio» Il vescovo Erio Castellucci (Modena-Nonantola e Carpi) agli educatori: «Noi adulti dobbiamo lasciar loro lo spazio per esprimersi liberamente» Quest’anno in Italia i nuovi nati sono stati circa 400mila, il «numero più basso dall’unità d’Italia. Nonostante ciò siamo riusciti a mantenere lo stesso numero di docenti, migliorando il…

Avvio del processo sinodale italiano

Avvio del processo sinodale italiano Antonio Spadaro Dal 24 al 27 maggio scorsi si è svolta la 74a Assemblea generale della Conferenza episcopale italiana. Essa è stata aperta dalla preghiera, presieduta da papa Francesco, e dal suo dialogo con i vescovi presenti. I lavori dell’Assemblea, sotto la guida del cardinale presidente Gualtiero Bassetti, hanno riguardato…

Osare il possibile

Osare il possibile Enrico Parsi Nel libro di Carla Melazzini, Insegnare al principe di Danimarca, si racconta una storia bellissima di scuola inclusiva in uno dei quartieri sottoproletari più difficili di Napoli. Un paragrafo spicca silenzioso e umile verso la fine del libro: si intitola Camminare, parlare. Vi si racconta di come, in quel contesto, camminare…

La mediocrità, una pandemia diffusa che minaccia e anestetizza l’intelligenza

La mediocrità, una pandemia diffusa che minaccia e anestetizza l’intelligenza Domenico Marrone Se in questo periodo storico c’è una categoria che ha di che essere contenta è quella dei mediocri. Al giorno d’oggi sembra di respirare un’atmosfera generale di una mediocrità diffusa. Cosa è la mediocrità? Inettitudine, mancanza di aspirazioni, non riuscire ad avere per…

In questo sito vengono utilizzate alcune immagini, foto e materiali audiovisivi tratti da Internet, esclusivamente se di pubblico dominio o dichiarati “materiali free” dalle originarie fonti di diffusione. Stante la premessa, per eventuale materiale di cui l’autore/l’autrice non consente la pubblicazione, contattare la Redazione del sito (email:suorchiara.tenaglia@gmail.com), che si rende disponibile verso gli aventi diritto alla rimozione tempestiva dello stesso.