Cenni storici

La storia ha inizio dalla visione chiara e precisa di una giovane ventenne aquilana, Barbara Micarelli, che sul punto di morire si è sentita miracolosamente guarita e chiamata a consacrarsi al bene dei miseri, dei poveri, degli abbandonati, ispirandosi al P. S. Francesco e fondando un istituto di suore che con lei lavorassero nella Chiesa di Dio.
Guidata spiritualmente dai frati minori dell’Osservanza presenti in L’Aquila, esce dalla casa paterna nel 1870 e inizia una prima esperienza di vita comunitaria e apostolica a servizio dei miseri. Il giorno di Natale 1879 viene rivestita in Roma dal Ministro generale OFM, P. Bernardino da Portogruaro, del suo stesso saio; si lega con voti al Signore e assume il nome di sr. Maria Giuseppa di Gesù Bambino: è l’inizio ufficiale dell’Istituto delle Terziarie francescane di Gesù Bambino, con sede in L’Aquila, presso Porta Bazzano, dove con l’aiuto della Provvidenza è stato acquistato, come casa di fondazione Palazzo Picalfieri. La prima espansione dell’Istituto inizia in Abruzzo, per proseguire nelle regioni del sud Italia. Ancora agli inizi la fondatrice, con l’appoggio di P. Bernardino da Portogruaro, apre una casa a S. Maria degli Angeli, Assisi, proprio a fianco della Porziuncola, culla del francescanesimo, e vi trasferisce il noviziato, perché i membri del suo istituto si formino alle sorgenti del francescanesimo.
Dopo la morte di M. Maria Giuseppa Micarelli, avvenuta in Assisi il 19 aprile 1909, l’Istituto riceve dalla Santa Sede il Decreto di approvazione in data 7 luglio 1911 e l’approvazione definitiva delle Costituzioni il 10 giugno 1922.
Segue l’espansione dell’Istituto in gran parte d’Italia e l’apertura nel 1927 alla missio ad gentes con l’invio delle prime missionarie nella selva amazzonica del Perù e nel 1929 in Cirenaica-Libia. Nascono le missioni a sostegno degli emigrati italiani in Belgio e Germania.
In seguito all’appello missionario della Chiesa conciliare, seguono diverse aperture in America Latina: Bolivia, Colombia, Argentina e una presenza negli USA. Nella circostanza del centenario di fondazione 1979, l’Istituto si fa presente nelle Filippine e successivamente in Albania, Paraguay, Cameroun e, con una presenza di nuova evangelizzazione, in Francia. Nelle varie chiese in cui siamo inserite ci sentiamo chiamate e inviate a contemplare, annunciare e testimoniare la nascita povera e umile del Figlio di Dio a Bethlem, attraverso un servizio di evangelizzaizone e promozione umana ai piccoli, ai giovani, ai fratelli particolarmente poveri e bisognosi, in ambito educativo, sanitario e sociale, aperte all’invio missionario, dove la Chiesa può aver maggiormente bisogno della nostra presenza.