La Costituzione pastorale «Gaudium et spes»: un documento atipico

Vaticano II e i giovani

Luis A. Gallo

Se già il Vaticano II fu un evento non previsto, che colse la Chiesa di sorpresa poiché la sua convocazione da parte di papa Giovanni XXIII obbedì, secondo la sua stessa testimonianza, ad un moto improvviso del suo spirito, lo fu ancora di più la venuta alla luce dell’ultimo documento da esso approvato il 7 dicembre 1965: la costituzione pastorale Gaudium et Spes. Tale costituzione fu, come ebbe a dire il teologo S. Dianich, il documento della maturità conciliare: con esso, infatti, il processo di trasformazione ecclesiologica avvenuto nei quattro anni di concilio arrivò al suo punto più alto.

La sua genesi

Tra i numerosi documenti preparati dalle commissioni preconciliari per essere affrontati dai partecipanti al Vaticano II, nessuno era espressamente dedicato ai grossi problemi che stava vivendo l’umanità in quel momento. Erano tutti, si potrebbe dire, di tenore intraecclesiale. Si occupavano della Chiesa nella sua costituzione e nella sua vita interna, della sua liturgia, del suo ascolto della Parola di Dio, dei differenti ministeri in essa esistenti, dei laici e della loro azione apostolica, della vita religiosa, del rapporto con gli altri cristiani, dell’azione missionaria, e così via. Talvolta si affacciavano in essi alcuni problemi di tipo più transecclesiale, quelli che riguardavano gli uomini e le donne in quanto tali, ma solo di sfuggita, quasi come per inciso. Ciò tuttavia non rispondeva alle intenzioni di Giovanni XXIII nel convocare il concilio.
Egli manifestò più di una volta durante i lavori preparatori il suo desiderio che il Vaticano II fosse un concilio differente da quelli precedenti, appunto perché finalizzato a dare risposta, alla luce del Vangelo, ai gravi problemi dell’umanità d’oggi. Ancora sul letto di morte si premurò di dire che l’attenzione principale del concilio non doveva concentrarsi sul cristiano, ma sull’uomo in quanto tale.
E all’unisono con Giovanni XXIII pensavano e sentivano non pochi dei Padri conciliari. Fu precisamente la sensibilità di alcuni di essi che diede origine, in un primo momento, al «Messaggio dei Padri conciliari a tutti gli uomini» – era la prima volta che un concilio della Chiesa si rivolgeva espressamente ad essi – e, in un secondo momento, più avanti nel tempo, all’elaborazione della costituzione pastorale sulla Chiesa nel mondo attuale, intitolata, dalle sue prime parole, Gaudium et Spes.
In realtà, il Messaggio iniziale rimase come un seme nascosto nel terreno fecondo dell’assise conciliare finché non ebbe occasione di germogliare e produrre i suoi frutti visibili.
L’iter della redazione della costituzione pastorale fu molto travagliato. Numerose commissioni si succedettero per darle una configurazione e un linguaggio che soddisfacessero i membri del concilio. In più di un momento corse il rischio di arenarsi e perfino di scomparire dall’agenda conciliare. Fu necessaria la tenacia e l’intelligenza di alcuni di essi, coadiuvati da alcuni esperti in materia, per farla arrivare in porto.
Essa venne approvata in maniera definitiva, dopo non poche votazioni parziali, l’ultimo giorno utile del Vaticano II, e malgrado la sua non completa maturazione, nel desiderio di non lasciare il concilio senza aver tra le mani un documento che orientasse l’impegno futuro della Chiesa nel suo rapporto con il mondo attuale.

La sua novità: una «costituzione pastorale»

Una delle preoccupazioni fondamentali di papa Giovanni XXIII fu, come si disse, quella di non fare del concilio da lui convocato un concilio dottrinale, ma pastorale. Egli non fu sempre compreso. C’erano, infatti, tra coloro che dovevano prepararlo, alcuni che volevano fare di esso uno strumento di condanna di tutti gli errori circa la fede e la morale circolanti, a parer loro, nel mondo e nella stessa Chiesa. Abituati da secoli a un tale modo di concepire la finalità dei concili ecumenici, non erano in grado di pensarli in un altro modo. La sensibilità di papa Giovanni, grande conoscitore della storia della Chiesa, e allo stesso tempo uomo molto vicino alla gente comune e molto sensibile ai problemi concreti degli uomini e delle donne con cui era a contatto, lo aveva portato a voler dire loro il Vangelo di sempre, ma in dialogo con tali problemi. Nessuna condanna, quindi, doveva essere lanciata dal concilio.
Lo doveva invece contraddistinguere l’atteggiamento sereno e dialogante con i grandi interrogativi sentiti dal mondo attuale.
Si potrebbe quindi dire che la più genuina attuazione del suo progetto si ritrova nella Gaudium et Spes, preparata ovviamente dai quindici documenti approvati prima di essa.
Proprio perché intenzionata ad essere una costituzione «pastorale», a differenza di quelle dogmatiche (Lumen Gentium e Dei Verbum), e da quella liturgica (Sacrosanctum Concilium), essa adottò un metodo differente dalle altre. Mentre, infatti, le citate costituzioni, come anche in genere gli altri documenti del concilio, utilizzarono il metodo classico (da secoli utilizzato dalla teologia e quindi anche dal Magistero nei suoi pronunciamenti), che era d’indole deduttiva, la Gaudium et Spes si servì di un metodo che si può chiamare «circolare». Due fattori principali contribuirono principalmente a maturare questa scelta.
Anzitutto, l’influenza del metodo della JOC, fondata come si sa nel 1925 e animata per molti anni dal canonico J. Cardjin, più tardi divenuto cardinale. In essa si era adottato un modo tipico di riflessione sulla fede che venne conosciuto, dai tre momenti o passi principali in cui tale riflessione si articolava, come metodo del «vedere, giudicare, agire». Il primo riguardava la visione della realtà concreta, nelle sue manifestazioni fenomeniche e nelle sue cause profonde; il secondo, la ricerca della sua illuminazione all’insegna del Vangelo; il terzo, le decisioni operative che ne derivavano per l’impegno dei credenti. Un metodo che si dimostrò molto fecondo nell’ambito di coloro che volevano vivere la fede da appartenenti al mondo del lavoro.
Poi, la teologia dei «segni dei tempi», di cui uno dei principali fautori fu il teologo domenicano Marie-Dominique Chenu. Molto vicino anche lui al mondo del lavoro e della sua problematica, e sensibile all’introduzione della dimensione storica nella riflessione teologica, egli diede molto rilievo in essa agli avvenimenti del mondo attuale. Sostenne che la teologia doveva essere sempre segnata da una forte connotazione profetica, e in quanto tale era chiamata a svolgere quella funzione che, in termini metaforici presi dall’ambito dell’ostetricia, chiamò la «palpatio mundi», e cioè il tastare la storia fatta dagli uomini mediante le loro libere decisioni, soprattutto collettive, per cogliere in esse la crescente attuazione del grande disegno salvifico di Dio in favore dell’umanità.

Lo sforzo del discernimento

Uno dei testi della costituzione che più chiaramente propugna tale metodologia, estesa ormai a tutti i membri della Chiesa, si trova al n. 11a, in cui si legge:
«Il popolo di Dio, mosso dalla fede per cui crede di essere condotto dallo Spirito del Signore, che riempie l’universo, si sforza di discernere, negli avvenimenti, nelle richieste e nelle aspirazioni, cui prende parte insieme con gli altri uomini del nostro tempo, quali siano i veri segni della presenza o del disegno di Dio».
Ciò che il testo propone come compito di tutti i membri della Chiesa, è proprio una «palpatio» di ciò che avviene nel mondo, con lo scopo di scoprire in esso ciò che va nella direzione del progetto di Dio.
Ma oltre a questo testo esplicito, è tutto l’andamento del documento, particolarmente nella sua prima parte (Proemio, Esposizione introduttiva, capitoli I-IV), a trapelare tale impostazione. Ne è un chiaro esempio il modo in cui procedono i capitoli I-III di detta parte. In essi vengono affrontate tre questioni di fondamentale importanza nel mondo attuale, non perché siano nuove, ma perché, dato il profondo cambiamento del mondo descritto a grandi tratti nell’introduzione (nn. 5-10), richiedono di venire urgentemente ripensate. In tutte e tre si possono cogliere dei «segni dei tempi» che preannunciano il futuro della società umana globale, anticipandolo in qualche misura.
Le tre questioni affrontate sono: la dignità della persona umana, la comunità umana e l’attività umana nel mondo. Tutte e tre vengono affrontate chiaramente con la metodologia sopra accennata, anche se non viene sempre espressamente enunciato il terzo momento. Di tutte e tre si evidenziano le grosse domande che la loro attuale situazione pone, e per tutte e tre si va alla ricerca di una risposta nella Parola rivelata. È sempre Gesù Cristo, nella sua persona e nella sua azione, la risposta ultima a tali interrogativi, perché egli, come sostiene il n. 22a, è colui che svela pienamente il mistero dell’uomo all’uomo stesso. In questo modo la costituzione vuole attuare ciò che diceva nel Proemio (n. 3b):
«Il concilio, testimoniando ed esponendo la fede di tutto intero il Popolo di Dio, riunito da Cristo, non può dare dimostrazione più eloquente della solidarietà, del rispetto e dell’amore di esso nei riguardi della intera famiglia umana, dentro la quale è inserito, che instaurando con questa un dialogo sui vari problemi sopra accennati, arrecando la luce che viene del Vangelo, e mettendo a disposizione degli uomini le energie di salvezza che la Chiesa, sotto la guida dello Spirito Santo, riceve dal suo Fondatore».
È proprio questo andamento «circolare» che conferisce la sua nota di «pastoralità» alla Gaudium et Spes, e con ciò anche la sua nota di novità. Un documento che sgorga non tanto dalla mente di specialisti nella dottrina della fede, quanto piuttosto dal cuore di pastori preoccupati di dare una risposta evangelica alle molte domande e attese che gli uomini e le donne d’oggi si portano nel cuore alle volte con lancinante drammaticità.
L’opzione fatta dal concilio in questo momento-vertice del suo processo di maturazione ebbe delle notevole ripercussioni negli anni successivi, anche e soprattutto a livello magisteriale. Numerosi documenti papali ed episcopali la fecero propria, attuando un approccio metodologico similare a quello della Gaudium et Spes nell’affrontare le tematiche di cui si occuparono.
Ne sono un chiaro esempio le encicliche sociali di Paolo VI (Populorum Progressio) e Giovanni Paolo II (Centesimus Annus, Laborem exercens, Sollicitudo rei socialis), ma anche numerosi documenti elaborati da conferenze episcopali continentali e nazionali.